Tu sei qui

La comunicazione efficace nei bambini con disturbi specifici di apprendimento e con bisogni educativi speciali

red - Si terrà il 12 luglio 2014 presso l’INTERVALLO A.S.D. via Saturnini 6 (angolo via Cassinelli), Galleria Saila -I° piano-Blocco blu il convegno dal titolo "La Comunicazione Efficace Nei Bambini Con DSA e BES". Il convegno si pone il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

Piano annuale per l'inclusività. Adempimenti delle scuole lombarde.

USR Lombardia - Come previsto dalla CM n. 8 prot. 561 del 6.3.2013 del MIUR “Indicazioni operative sulla Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 – Strumenti d’intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica”, cui si rimanda per i necessari approfondimenti,

Indicazioni per l'Esame di Stato conclusivo del primo ciclo relative agli alunni con disturbi specifici di apprendimento e con bisogni educativi speciali

Erasmo Modica - In data 3 Giugno 2014 il MIUR ha emanato una nota relativa allo svolgimento degli Esami di stato conclusivi del primo di istruzione. La nota ricorda che le istruzione relative all'esame sono regolate dalla Circolare Ministeriale n. 48 del 31 maggio 2014, sottolineando la natura permanente dell'atto.

La nota ribadisce che le commissioni d'esame

Dispersione e inclusione scolastica. B.E.S. Resoconto di un convegno a Miano (NA).

Adele VitaleDispersione e inclusione scolastica. B.E.S.” questo il tema dell'incontro organizzato il 7 maggio 2014 dall'Istituto professionale per l'Industria e l'Artigianato di Miano, al quale ha partecipato il Ministro dell'Istruzione Stefania Giannini, che ha scelto di iniziare dalla Campania il suo tour tra le realtà scolastiche italiane.

Un'interessante mappa visuale sull'ADHD per i docenti con alcuni consigli

red - L'ADHD è uno dei disturbi dello sviluppo neurologico più comuni. Le persone con ADHD hanno difficoltà a concentrarsi su un solo compito alla volta, ma, anche se i sintomi delle persone con tale disturbo sono facilmente riconoscibili, non si può semplicemente ridurre e ricondurre grossolanamente a esso il comportamento degli studenti didattenti e che non riescono a concentrarsi su un compito da eseguire, oppure che non riescono a stare seduti in classe per lunghi periodi.

Il bambino con un disturbo ADHD può essere:

Bisogni educativi speciali. Un video sul quadro teorico di riferimento e sulle criticità.

red - Si è tenuto venerdì 8 novembre 2013 a Bergamo il seminario PROTEO FARE SAPERE LOMBARDIA della FLC CGIL di Bergamo. Interessante l'intervento dell'Ispettore Tecnico del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca Franco De Anna.

Nel video viene presentato il quadro teorico di riferimento per i bisogni educativi speciali, le proposte operative e le varie criticità inerenti all'attuazione di quanto previsto per questi studenti.

Riflessioni di Dario Ianes in relazione alla nota di chiarimento sui BES del 22 Novembre 2013

red - Il 22 novembre 2013 è stata emanata la nota di chiarimento sui Bisogni Educativi Speciali, interamente riportata nel post "Bisogni Educativi Speciali: il testo della nota di chiarimento del 22 novembre 2013". In relazione a tale nota, è stato diffuso in rete il seguente video di commento, in cui il professor Dario Ianes, esperto in materia e docente di Pedagogia dell'Inclusione presso la Libera Università di Bolzano. 

Bisogni Educativi Speciali: il testo della nota di chiarimento del 22 novembre 2013

MIUR - Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali. A.S. 2013/2014. Chiarimenti. Facendo seguito alla nota prot. 1551 del 27 giugno 2013, si intendono qui fornire ulteriori indicazioni e chiarimenti relativamente all’applicazione della Direttiva 27.12.2012 “Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale

Pagine

rss facebook twitter google+

Categorie news