Tu sei qui

Certificazione competenze lingua latina. Progetto per la valorizzazione delle discipline classiche

USR Lombardia - Nell’ottica di promuovere la valorizzazione e lo studio delle discipline classiche, questo Ufficio Scolastico Regionale e la Consulta Universitaria di Studi Latini, con protocollo del 19 febbraio 2015, DRLO 2134, hanno stipulato un’intesa per la costituzione di una certificazione linguistica della lingua latina in Lombardia, sul modello delle sperimentazioni già attuate in altre regioni e in altri paesi europei utilizzando le scale e i livelli di conoscenza previsti dal quadro di riferimento europeo per le lingue moderne.

Come accaduto nei precedenti anni scolastici, il Gruppo di lavoro costituito presso questo U.S.R. e confermato con decreto n. 623 del 12 gennaio 2017 ha preparato una serie di prove da sottoporre agli studenti interessati. Le prove, dedicate agli studenti di latino delle scuole secondarie di secondo grado della Lombardia, si articolano su tre livelli così determinati:

  • A (distinto in A1 e A2): prova senza dizionario, della durata di un’ora e trenta minuti. Il livello A2 si raggiunge alla fine del primo biennio del liceo classico e del triennio del liceo scientifico o delle scienze umane; in termini indicativi si ritiene che si possa accedere al livello A2 dopo circa 200 ore di studio del Latino.
  • B1: prova senza dizionario, della durata di un’ora e trenta minuti. Il livello si raggiunge alla fine del secondo biennio del liceo classico e di liceo scientifico e al quinto anno di scienze umane; in termini indicativi si ritiene che si possa accedere al livello B1 dopo circa 300 ore di studio del Latino.
  • B2: prova senza dizionario, della durata di un’ora. La prova può essere svolta solo in continuità con il livello B1, che ne è propedeutico. Il livello si raggiunge alla fine del percorso liceale; in termini indicativi si ritiene che si possa accedere al livello B2 dopo circa 400 ore di studio del Latino.

Si specifica che chi, in possesso del livello A1 o B1, volesse conseguire, rispettivamente, il livello A2 e B2, è tenuto comunque a svolgere l’intera prova del livello A e quella del livello B1-B2, in quanto, come già puntualizzato sopra, gli esercizi specifici di A2 e B2 sono in continuità con quelli del livello precedente.

Nell’effettuare l’iscrizione si tenga presente che la scelta del livello non è necessariamente vincolata alla classe frequentata, che costituisce soltanto un criterio orientativo secondo quanto sopra indicato; sarà comunque possibile iscrivere ciascuno studente ad una sola prova. Per orientare studenti e docenti sarà possibile consultare le prove utilizzate lo scorso anno nella precedente sperimentazione e altri esempi elaborati in preparazione alla certificazione di  quest’anno con relative griglie di misurazione: tali materiali verranno a breve pubblicati sul sito di questo Ufficio Scolastico Regionale, insieme al lessico di base necessario per sostenere la prova di livello A e indicazioni ulteriori in merito allo svolgimento delle prove. Per il livello B si può fare riferimento all’ARELAB di Besançon.

È importante precisare che non si tratta di una competizione tra studenti o tra istituzioni scolastiche, ma di una sperimentazione volta a comprendere e stabilire quale sia il livello di competenze acquisito dagli studenti in vista del passaggio da una fase sperimentale regionale ad una piena attuazione nazionale.

Le prove si svolgeranno venerdì 31 marzo 2017. Le procedure di appello e identificazione degli studenti cominceranno alle ore 14:30 e le prove avranno inizio alle ore 15:00. Il numero massimo di partecipanti è pari a 1000, distribuiti nelle seguenti sedi:

· Liceo classico “Tito Livio” di Milano (via Circo, 4)

· Liceo scientifico “Vittorio Veneto” di Milano (via de Vincenti, 7)

· Liceo classico paritario “Montini” di Milano (corso di Porta Romana, 105)

· I.C. “Borsi” di Milano (via Borsa, 26)

· Liceo classico “Sarpi” di Bergamo (piazza Rosate, 4)

· Liceo classico “Virgilio” di Mantova (via Ardigò, 13)

· Liceo “Volta” di Como (via Cantù, 57)

· Liceo Classico Crespi di Busto Arsizio (VA) (via Carducci, 4)

· Liceo Classico e Scientifico “M. Curie” di Meda (MB) (via Cialdini, 181)

· Università Cattolica di Brescia (via Trieste, 17)

· Università degli studi di Pavia (Aula G1 – Palazzo S. Tommaso, Piazza del Lino, 2)

Le prove di livello B2 si svolgeranno solo nelle sedi di Brescia e Milano “Tito Livio”.

L’iscrizione alla prova dovrà essere effettuata entro il 25 marzo 2017 tramite la segreteria della scuola frequentata dallo studente; le concrete modalità di iscrizione verranno rese note a breve.

Nel caso in cui il numero di domande dovesse eccedere i posti disponibili, si cercherà di garantire la rappresentatività del maggior numero possibile di scuole, ammettendo eventualmente soltanto alcuni tra gli studenti inseriti da ciascuna istituzione scolastica; pertanto, i nominativi andranno inseriti in piattaforma secondo un ordine strettamente gerarchico, stilato in base a criteri scelti dalla scuola. Sarà altresì possibile esprimere una preferenza per la sede di svolgimento delle prove, ma il soddisfacimento della richiesta non può essere garantito. Anche per tali ragioni, se lo studente ammesso decidesse poi di non partecipare, dovrà comunicarlo per il tramite della segreteria scolastica all’indirizzo [email protected].

A ciascuno studente sarà rilasciato un attestato di partecipazione; in caso di superamento della prova, sarà facoltà delle istituzioni scolastiche riconoscere il credito formativo.

Si ricorda che il giudizio espresso dalla Commissione giudicatrice è insindacabile.

Per informazioni legate ai contenuti e al livello delle prove è possibile rivolgersi al dirigente scolastico Massimo Pantiglioni ([email protected]); per problematiche di carattere amministrativo scrivere a [email protected].

Categorie: 
Versione stampabile
rss facebook twitter google+

Categorie news