Tu sei qui

F.A.Q. per la predisposizione del progetto di formazione e ricerca per l'attuazione delle Indicazioni Nazionali curricolo scuole infanzia e primo ciclo

red - L'Ufficio Scolastico per la Regione Calabria ha predisposto alcune FAQ contenenti le domande e le risposte che vengono poste più frequentemente in relazione alla predisposizione del progetto “Adempimenti e scadenze per le scuole del primo ciclo d’istruzione relative alle Indicazioni Nazionali per il curricolo del 2012”. Di seguito si riportano le FAQ.

FAQ 1
Il progetto deve comprendere approfondimenti appartenenti ad entrambi gli ambiti indicati nella scheda di progetto (tematiche trasversali, discipline)?
RISPOSTA 1
Si, il progetto deve comprendere approfondimenti appartenenti sia alle tematiche trasversali che alle discipline. Pertanto, sarà necessario prendere in considerazione congiuntamente sia tematiche di carattere trasversale e che di carattere disciplinare, barrando almeno una casella in ciascuna delle due colonne.
________________________________________

FAQ 2
La scheda di progetto è unica per tutte le scuole della rete e va compilata solo dalla scuola capofila?
RISPOSTA 2
Si, la scheda di progetto deve essere unica per tutte le scuole afferenti alla rete e la sua compilazione è a cura della scuola capofila.
________________________________________

FAQ 3
Scegliendo più ambiti di intervento ognuno di essi va illustrato dettagliatamente nelle voci relative alla sezione “PERCORSO DI FORMAZIONE E RICERCA: DESCRIZIONE DELLA TEMATICA /TEMATICHE PRESCELTE”?
RISPOSTA 3
Si, i percorsi prescelti devono essere illustrati singolarmente rispondendo alle voci:
• a. analisi e lettura dei bisogni formativi;
• b. tipologia (incontri seminariali, lavori di gruppo, attività laboratoriali, eventuali lavori on-line, studio personale e di approfondimento, …);
• c. numero di ore per ogni tipologia di lavoro;
• d. descrizione delle sperimentazioni didattiche nelle sezioni/classi ben delimitate e mirate che consentono la verifica dei risultati;
• e. prodotti che si intendono realizzare (attività e materiali didattici, pubblicazioni, supporti multimediali, audiovisivi…);
• f. modelli di diffusione (sito della scuola, depliant, mostre, incontri dedicati …).
________________________________________

FAQ 4
Quanti percorsi/laboratori si possono attivare all’interno della rete?
Risposta 4
Nella circolare n. 22 del MIUR del 26 agosto 2013 è scritto che ogni rete può attivare da 1 a 4 laboratori.
________________________________________

FAQ 5
Tutte le Istituzioni scolastiche devono attivare tutti i percorsi/laboratori scelti o potranno optare per la realizzazione solo di alcuni di essi, mentre gli altri verranno realizzati dalle altre scuole della rete?
RISPOSTA 5
Le scuole della rete possono scegliere di lavorare su massimo quattro laboratori diversi da attivare tutti nelle quattro scuole o in modo differenziato (es. una rete di 4 scuole sviluppa un laboratorio diverso per ogni scuola; una rete di 4 scuole attiva 3 laboratori comuni alle 4 scuole e uno attivato solo da una scuola; una rete di 5 scuole sviluppa due laboratorio comune a 5 scuole, un laboratorio comune a due scuole e un laboratorio solo per una scuola, per un totale di 4 laboratori).
________________________________________

FAQ 6
Le tematiche trasversali sono da considerarsi laboratori e quindi rientrano nel conteggio dei 4 laboratori massimi da attivare?
RISPOSTA 6
Si, le tematiche trasversali sono da considerarsi come laboratori.
________________________________________

FAQ 7
Per ogni istituzione scolastica possono aderire 20 docenti (5 per ogni percorso che verrà attivato) oppure 20 per tutta la rete?

RISPOSTA 7
La circolare ministeriale n. 22 del 26 agosto 2013 a pag. 5/7 recita: …caratterizzarsi come laboratori di formazione e ricerca e rivolgersi a gruppi limitati di docenti interessati ( es. 1-4 laboratori di circa 20 partecipanti ciascuno, per ogni rete). Da ciò si desume che per ogni rete potrebbero partecipare 80 docenti, 20 per ogni laboratorio per un massimo di 4 laboratori. Tuttavia si consiglia di non impegnare un numero elevato di docenti per evitare di parcellizzare troppo il finanziamento, che è di circa 4.000 euro e che è finalizzato al pagamento dei conduttori dei laboratori e degli eventuali esperti, alla predisposizione della documentazione delle attività e alle spese di organizzazione.

Categorie: 
rss facebook twitter google+

Categorie news