Tu sei qui

Il curricolo verticale di Italiano e Matematica. Un percorso di costruzione in rete dalla scuola dell’infanzia al biennio della scuola secondaria di secondo grado

Marina Mupo - L’istituto Comprensivo “Nicola Nisco Senior”, quale scuola capofila, ha stipulato nel maggio 2010 un Accordo di rete con le scuole di ogni ordine e grado del territorio di S. Giorgio del Sannio e con l’Istituto Comprensivo di Calvi avente ad oggetto la realizzazione di iniziative di formazione e aggiornamento per il personale docente utilizzando le importanti risorse economiche e culturali che il PON “Competenze per lo sviluppo” 2007-2013 offre a tutte le istituzioni scolastiche delle Regioni dell’Obiettivo Convergenza - di cui la Campania fa parte - per ampliare qualitativamente e quantitativamente l’offerta formativa al fine di recuperare il ritardo in termini di competenze che dette regioni fanno registrare nel confronto con la media dei paesi europei. L’Accordo, di durata triennale, ha lo scopo di promuovere iniziative destinate a “contaminare” favorevolmente “l’agire didattico” dei docenti dei vari ordini e gradi di scuola, portandoli a maturare la consapevolezza della necessità di condividere finalità, obiettivi e strumenti di progettazione e di valutazione per migliorare le professionalità, promuovere l’occupabilità e garantire la qualità di vita delle generazioni future.

Il progetto n. 567 realizzato nell’ambito del Piano di Intervento predisposto dall’Istituto Comprensivo “Nicola Nisco Senior” in riferimento all’Obiettivo B Azione 1 del PON “Competenze per lo sviluppo” annualità 2010, è stato elaborato a seguito di una valutazione collegiale della rete di scuole sulla necessità di spostare l’attenzione dai contenuti dell’insegnamento ai risultati dell’apprendimento costruendo un curricolo di scuola centrato su competenze irrinunciabili, che sollecitasse i docenti ad elaborare specifiche scelte relative a contenuti, metodi, organizzazione e valutazione dei percorsi formativi.

Quali destinatari dei due interventi formativi previsti, sono stati individuati i docenti di italiano e di matematica in servizio presso le istituzioni scolastiche firmatarie dell’accordo di rete che hanno preventivamente dichiarato la loro disponibilità al percorso di ricerca-azione nonché a farsi promotori nei singoli istituti della diffusione dei materiali, delle pratiche e delle principali conclusioni ed idee cui sarebbe giunto il progetto.

In considerazione del peso formativo rivestito dall’italiano e dalla matematica all’interno dell’obbligo scolastico (fascia di età compresa tra i 3 e i 16 anni), dei risultati emersi dalle prove di valutazione INVAlSI, delle indicazioni fornite dall’OCSE-PISA e della necessità di circoscrivere il progetto ad azioni effettivamente realizzabili, la formazione si è orientata a costruire il curricolo verticale di italiano e di matematica a partire dalla scuola dell’infanzia sino al biennio della scuola superiore di secondo grado al fine di favorire l’acquisizione delle competenze chiave negli allievi, garantendo coerenza e consequenzialità al percorso formativo.

I percorsi progettati, utilizzando le buone prassi già sperimentate in precedenti progetti realizzati dall’Istituto Comprensivo “Nicola Nisco Senior” si sono prefissi i seguenti obiettivi :

• Saper costruire il curricolo verticale per competenze sul terreno del confronto e dell’elaborazione collegiale condividendo le cornici culturali di riferimento:

- il quadro europeo ed internazionale in cui si collocano i documenti ministeriali relativi ai due cicli

- i rapporti tra curricolo/autonomia scolastica/POF

- i concetti chiave per la costruzione operativa dei curricoli prendendo spunto dai quadri di riferimento di italiano e di matematica elaborati dall’INVALSI

• Saper costruire percorsi di insegnamento/apprendimento efficaci, adeguatamente progettati, e rigorosamente valutati

• Saper tradurre nella prassi scolastica quotidiana un modello didattico che consenta agli alunni di imparare ad imparare costruendo abilità e conoscenze utili ad agire adeguatamente e con successo nei diversi contesti

• Saper costruire strumenti di valutazione che verifichino lo sviluppo in itinere delle competenze e ne certifichino l’acquisizione finale 

I risultati attesi sul breve periodo erano:

• Elaborazione dei curricoli verticali di italiano e di matematica sulla base di un sistema e un linguaggio di progettazione e di principi e criteri di valutazione degli apprendimenti condivisi tra i diversi ordini di scuola in rete

I risultati attesi sul medio periodo sono:

• Diffusione di una metodologia attiva fondata sull’insegnare per competenze, sulla problematizzazione, sulla sperimentazione, sulla ricerca, sulla progettualità.

• Miglioramento delle competenze professionali dei docenti relative alla costruzione ed all’uso di strumenti di progettazione, di verifica e valutazione dei risultati di apprendimento.

Il prodotto finale, il curricolo verticale di italiano e di matematica, viene ora pubblicato e presentato alla comunità territoriale così da farlo diventare patrimonio di tutti.

Nel successivo anno scolastico il curricolo potrebbe essere formalmente adottato dai Collegi delle singole istituzioni scolastiche in rete e sperimentato così da avviare la valutazione della sua efficacia in termini di ricaduta sugli esiti formativi degli alunni anche attraverso il confronto con gli anni precedenti in cui detto curricolo non ha trovato applicazione.

Categorie: 
rss facebook twitter google+

Categorie news