Tu sei qui

La diffrazione degli elettroni, lezione simulata per la classe A038

Erasmo ModicaLa traccia estratta per la lezione simulata di Fisica del concorso a cattedra per la classe A038-A049 faceva riferimento alla discussione della diffrazione degli elettroni

L'argomento viene trattato, in genere, in un contesto di quinto anno del Liceo Scientifico, anche se quasi mai si arriva ad effettuare una reale trattazione, a causa dei costanti problemi di tempi a disposizione. 

È stato ipotizzato un contesto classe con quattro fasce di livello (avanzato, intermedio, base, insufficiente), in cui sono inseriti un alunno con sindrome di Down e un alunno con disprassia.

Alla luce della L.170/2010, integrata dalla D.M. sui BES del 27/12/2012, l’alunno viene dispensato

  • dal prendere appunti; 
  • dai tempi standard per la consegna delle prove scritte; 
  • dal copiare dalla lavagna; 
  • dall’effettuare più prove valutative in tempi ravvicinati; 
  • dallo studio mnemonico di formule, tabelle, definizioni; 
  • dalla produzione della stessa quantità di esercizi e problemi elaborati dagli altri compagni; 
  • dalla valutazione degli errori di trascrizione e di calcolo. 

Lo stesso alunno può avvalersi delle seguenti misure compensative:

  • libri digitali; 
  • tabelle, formulari, sintesi; 
  • calcolatrice; 
  • computer, foglio di calcolo e stampante; 
  • risorse audio (registrazioni); 
  • lavagnate”. 

Inoltre, per l’alunno:

  • saranno previste verifiche orali eventualmente concordate; 
  • si darà maggiore considerazione alle prove orali qualora gli scritti non fossero soddisfacenti. 

Per affrontare la lezione sono necessari i seguenti prerequisiti:

  • Onde e grandezze caratteristiche. 
  • Interferenza delle onde. 
  • Diffrazione delle onde. 
  • Effetto fotoelettrico. 
  • Effetto Compton. 
  • Principio di De Broglie.

Gli obiettivi di apprendimento sono i seguenti:

  • Comprendere gli aspetti ondulatori e corpuscolari della materia attraverso gli esperimenti presentati. 
  • Comprendere il fenomeno della diffrazione degli elettroni. 
  • Comprendere l’impossibilità di osservare la natura ondulatoria degli oggetti macroscopici. 
  • Descrivere l’esperienza di Davisson e Germer. 
  • Descrivere l’esperienza di Thomson. 
  • Descrivere l’applicazione al microscopio elettronico. 

La diffrazione degli elettroni. Lezione simulata di Erasmo Modica.

Categorie: 
rss facebook twitter google+

Categorie news