Tu sei qui

Mi riguarda? Percorso didattico per il Giorno della Memoria per la scuola primaria

red – L’insegnante Giulia Primavera ha strutturato un percorso didattico per il Giorno della Memoria rivolto agli studenti della scuola primaria. Dopo una fase di raccolta di materiali e di brainstorming guidato, si passa alla visione del film-documentario di Anna Frank e all’analisi di alcune pagine significative tratte dal “Diario di Anna Frank”. Il percorso continua con la lettura della Legge n. 211 del 20 luglio 2000 che istituisce proprio il “Giorno della Memoria” ogni anno il 27 gennaio e con la lettura del documento-testimonianza “Paura sotto le stelle”. Le ultime fasi prevedono inoltre la visione del film “Il bambino con il pigiama a righe” e la lettura del libro “Rosa Bianca” di Roberto Innocenti.

DESCRIZIONE DEL PERCORSO

I FASE: Brainstorming e raccolta di materiale

  • L’insegnante scrive alla lavagna due parole chiave sull’argomento: SHOAH e GIORNO DELLA MEMORIA, poi chiede agli alunni se conoscono queste parole e il loro significato.
  • Gli alunni raccontano la loro “esperienza” sul tema e si confrontano su fatti, racconti, film ecc…
  • La motivazione scaturita da questa prima conversazione sollecita curiosità e interesse ad approfondire l’argomento, anche portando a scuola materiale ritenuto significativo dai bambini: libri, foto, documenti storici …

II FASE: Visione del film-documentario di Anna Frank e riflessioni

  • Un alunno, durante il brainstorming, ha raccontato di aver visitato l’alloggio segreto di Anna Frank ad Amsterdam. Da questa esperienza, l’insegnante propone la visione del film-documentario per conoscere Anna Frank.
  • Il film è visionato durante la mattinata scolastica. L’insegnante interrompe solo quando i bambini chiedono spiegazioni o chiarimenti su fatti o sul significato di termini.
  • Il giorno successivo, l’insegnante guida i bambini in una conversazione sull’argomento che tocca le seguenti problematiche:

- cosa avevano fatto di male i bambini ebrei per meritare di essere uccisi nelle camere a gas

- perché questo accanimento contro gli Ebrei?

- perché nessuno è riuscito ad evitare questo genocidio?

Dopo aver riflettuto e tentato di cercare risposte alle domande, il gruppo ha organizzato il testo-recensione sul film documentario.

  • Ogni alunno, poi, illustra la scena del film che più l’ha colpito.

III FASE: Lettura e analisi di pagine significative del “Diario di Anna Frank”

  • L’insegnante legge ai bambini una pagina di diario in cui Anna parla delle leggi antisemitiche (cfr. sabato, 20 giugno 1942).
  • Dal testo, i bambini analizzano l’etimologia della parola “ANTISEMITICHE”, individuando così il significato del termine:

ANTI = contro

SEMITICHE = da SEM, figlio di Noè dal quale discendono i Semiti: Assiri, Babilonesi, Fenici, Israeliti

quindi ANTISEMITICHE = contro gli Ebrei

  • A questo punto vengono individuate ed elencate le leggi contro gli Ebrei.
  • L’insegnante guida i bambini a passare dal fatto storico (Leggi antisemitiche) al vissuto di Anna. Dalla lettura del Diario emergono le emozioni della bambina costretta a vivere una vita “non da bambina” (cfr. 30 gennaio 1944, 11 aprile 1944, 12 febbraio 1944, 11 aprile 1944, 3 maggio 1944, 15 luglio 1944)
  • È questo il momento in cui ogni bambino, consapevole delle emozioni di Anna Frank, si cala nel personaggio e si racconta:

- “Sei Anna Frank e ti trovi nell’alloggio segreto. Scrivi una pagina di diario…”,

- “Sei Anna Frank e ti trovi nell’alloggio segreto. Descrivi una tua giornata: pensieri, emozioni, tristezze”

IV FASE: Lettura e analisi della Legge n.211del 20 luglio 2000 che istituisce, per il 27 gennaio di ogni anno, il “Giorno Della Memoria”

  • I bambini, conosciuta la gravità dei fatti accaduti, comprendono l’importanza di non dimenticare, perché tutto questo non accada mai più.
  • L’insegnante guida alla lettura del testo integrale della Legge n.211del 20 luglio 2000 che istituisce, per il 27 gennaio di ogni anno, il “Giorno Della Memoria”.
  • L’insegnante illustra l’iter legis e si sofferma sul significato della parola PROMULGA .
  • Gli alunni ricavano informazioni dai due articoli della legge, in particolare riflettono sulle motivazioni che hanno portato a scegliere il 27 gennaio come giorno della memoria. In questa data, 27 gennaio 1945, gli Americani e i Russi abbatterono i cancelli ed entrarono nel campo di concentramento di Aushwitz, liberando i sopravvissuti.

V FASE: Lettura del documento-testimonianza “Paura sotto le stelle” e riflessioni

  • La lettura del documento ha lo scopo di far meglio comprendere agli alunni come la persecuzione e la diversità erano vissute dai bambini
  • L’insegnante legge in più incontri il documento-testimonianza, facendo emergere:

- lessico

- domande di comprensione

- role play

- parallelismi tra la vita delle due bambine e la loro

  • I bambini, infine, evidenziano e disegnano la frase chiave del testo: “Il posto delle stelle è in cielo, quando gli uomini le strappano dal cielo per cucirle sui loro vestiti, questo non può che portare disgrazia”.

VI FASE: Lettura, analisi e riflessione su testi poetici e canzoni

  • L’insegnante guida i bambini a riflettere sulle emozioni e sulle suggestioni date da alcune poesie che raccontano la shoah vissuta dai bambini, attraverso la conversazione e il disegno:

- “Scarpette rosse” di Joyce Lussu

- “Terezin” di Hanus Hachenburg

- “A Terezin” di Teddy

SCARPETTE ROSSE

C’è un paio di scarpette rosse

numero ventiquattro

quasi nuove:

sulla suola interna

si vede ancora la marca di fabbrica

“Schulze Monaco”;

c’è un paio di scarpette rosse

in cima a un mucchio

di riccioli biondi

di ciocche nere e castane

a Buchenwald;

servivano a far coperte per i soldati;

non si sprecava nulla;

e i bimbi li spogliavano e li radevano

prima di spingerli nelle camere a gas;

c’è un paio di scarpette rosse

di scarpette rosse per la domenica

a Buchenwald:

erano di un bambino di tre anni,

forse di tre anni e mezzo;

chi sa di che colore erano gli occhi

bruciati nei forni,

ma il suo pianto

lo possiamo immaginare;

si sa come piangono i bambini;

anche i suoi piedini

li possiamo immaginare:

scarpa numero ventiquattro

per l’eternità,

perché i piedini dei bambini morti

non crescono;

c’è un paio di scarpette rosse

a Buchenwald:

quasi nuove,

perché i piedini dei bambini morti

non consumano le suole.

Joyce Lussu

TEREZIN

Una macchia di sporco dentro sudicie mura

e tutt’attorno il filo spinato

30.000 ci dormono

e quando si sveglieranno

vedranno il mare

del loro sangue

Sono stato bambino tre anni fa.

Allora sognavo altri mondi.

Ora non sono più un bambino,

ho visto gli incendi

e troppo presto sono diventato grande.

Ho conosciuto la paura,

le parole di sangue, i giorni assassinati:

dov’è il Babau di un tempo?

Ma forse questo non è che un sogno

e io ritornerò laggiù con la mia infanzia.

Infanzia, fiore di roseto,

mormorante campana dei miei sogni,

come madre che culla il figlio

di scarpette infantili

a Buchenwald;

più in là c’è un mucchio

con l’amore traboccante

della sua maternità

Hanus Hachenbur

A TEREZIN

Appena qualcuno arriva qui

ogni cosa gli sembra strana.

Come, devo coricarmi per terra?

No, io non mangerò quella sudicia patata nera.

E questa sarà la mia casa? Dio com’è lurida!

Il pavimento è solo fango e sporcizia

e qui io dovrei distendermi.

Come farò senza sporcarmi?

C’è sempre un gran movimento quaggiù

e tante tante mosche:

le mosche non portano le malattie?

Ecco, qualcosa mi ha punto: una cimice forse.

Com’è orribile Terezin!

Chissà quando ritorneremo a casa.

Teddy, morto nel 1943

  • Al termine, l’insegnante guida i bambini a riflettere sulle emozioni e sulle suggestioni date dalle canzoni

- “Aushwitz” di Guccini

- “La canzone del bambino nel vento” di De Andrè

VII FASE: Visita al “ghetto di Guardiagrele” e riflessioni

  • A questo punto del percorso, i bambini, consapevoli dei fatti che hanno portato all’istituzione del Giorno della Memoria, possono recarsi con le insegnanti a visitare i luoghi della memoria nel loro paese: via Ghetto.

VIII FASE: Visione del film “Il bambino con il pigiama a righe” e riflessioni

  • Per far meglio comprendere le emozioni e i fatti dell’antisemitismo, l’insegnante utilizza un altro linguaggio, quello cinematografico, visionando il film “Il bambino con il pigiama a righe” di John Boyne.
  • Dopo la visione del film, l’insegnante guida i bambini in una conversazione con i seguenti scopi:

- far comprendere il significato dei fatti raccontati dal punto dal punto di vista dei bambini

- ripercorrere le pagine di storia attraverso la vita di una famiglia tedesca

- riflettere sull’amicizia tra i protagonisti, Bruno e Shmuel, che non conosce barriere di razza e cultura

  • Al termine, gli alunni, guidati dall’insegnante, organizzano la recensione del film.

IX FASE: Lettura del libro “Rosa Bianca” di Roberto Innocenti e riflessioni

  • A conclusione del percorso, l’insegnante propone la lettura del romanzo “Rosa Bianca” ideato e illustrato da Roberto Innocenti. Un libro che utilizza l’immagine come veicolo di messaggi.
  • Ogni immagine è oggetto di lettura, analisi e riflessione su:

- i colori

- la prospettiva

- gli elementi costituenti l’immagine

- i campi e i piani

tutto con lo scopo di guidare i bambini ad andare oltre la lettura oggettiva.

  • I bambini utilizzano la riflessione collettiva per organizzare testi, con le tecniche descrittive conosciute, allo scopo di “entrare” in una lettura connotativa dell’immagine e nel ruolo della protagonista
rss facebook twitter google+

Categorie news