Tu sei qui

Sistemi operativi. Una verifica di informatica con domande della tipologia C

red - Viene di seguito proposta una verifica scritta di informatica sui Sistemi Operativi, composta da domande della tipologia C.

1) Il sistema operativo è:

  • un insieme di programmi scritti allo scopo di rendere disponibili all’uso le risorse di calcolo e i dispositivi collegati al computer.
  • un insieme di programmi scritti allo scopo di far funzionare le sole periferiche.
  • un insieme di routine fisiche che permettono il funzionamento del computer.
  • nessuna delle precedenti.

2) I dispositivi realizzati in tecnologia plug and play:

  • colloquiano con l’utente in modo da permettergli di fornire le giuste righe di comando.
  • colloquiano con il sistema in modo tale da farsi riconoscere e richiedere all’utente di inserire le righe di comando.
  • colloquiano con il sistema in modo tale da farsi riconoscere e richiedere l’installazione dei driver corretti.
  • nessuna delle precedenti.

3) Segna, tra le seguenti, la definizione errata.

  • Un modulo è un  insieme di programmi scritti per risolvere una classe di problemi del tutto differenti tra loro.
  • Un modulo è un insieme di programmi scritti per risolvere un problema o una classe di problemi simili.
  • Un modulo è una collezione di routine che attivano i meccanismi fisici necessari per risolvere problemi logici di uno stesso tipo.
  • Un modulo è una collezione di operazioni fisiche atte a soddisfare un’operazione logica richiesta dall’utente.

4) La portabilità di un sistema operativo è:

  • tanto minore quanto è minore il costo delle modifiche necessarie per permetterne l’esecuzione su macchine diverse.
  • tanto minore quanto è maggiore il costo delle modifiche necessarie per permetterne l’esecuzione su macchine diverse.
  • tanto maggiore quanto è minore il costo delle modifiche necessarie per permetterne l’esecuzione su macchine diverse.
  • nessuna delle precedenti.

5) Segna, nel seguente elenco, le risorse software.

  • Unità centrali di processo.
  • Memorie centrali.
  • Unità di memoria di massa.
  • Dispositivi di ingresso e/o uscita
  • Nessuna delle precedenti.

6) L’insieme dei programmi che costituiscono un sistema operativo necessitano:

  • di non essere allocati nella memoria centrale per essere eseguiti.
  • di essere allocati nella memoria centrale per essere eseguiti.
  • di essere allocati nel BIOS per essere eseguiti.
  • nessuna delle precedenti.

7) Il tempo che intercorre tra l’inizio e la fine di un programma può essere suddiviso nei seguenti intervalli caratterizzati dalle diverse attività della CPU:

  • esecuzione di istruzioni del programma utente, esecuzione di istruzioni del sistema operativo, inattività.
  • esecuzione di istruzioni del BIOS, esecuzione di istruzioni della memoria centrale, inattività.
  • esecuzione di istruzioni delle periferiche di output, esecuzione di istruzioni del BIOS, inattività.
  • nessuna delle precedenti.

8) Nel Tempo Inattivo:

  • la CPU non è disponibile per altri utenti.
  • la CPU potrebbe eseguire istruzioni di altri programmi.
  • la CPU è nello stato di system overload.
  • nessuna delle precedenti.

9) Quale dei seguenti eventi è irrilevante affinché la CPU di un sistema multiprogrammato gestita in time sharing  rimanga assegnata ad un programma utente?

  • Il programma utente termina.
  • Il programma utente richiede che vengano effettuate operazioni che coinvolgono altri dispositivi.
  • Scade il time slice.
  • Nessuna delle precedenti.

10) Una caratteristica del time sharing è quella di:

  • trasformare molti dispositivi virtuali in un singolo dispositivo fisico.
  • trasformare un singolo dispositivo fisico in molti dispositivi virtuali disponibili per un tempo superiore.
  • trasformare un singolo dispositivo fisico in molti dispositivi virtuali disponibili per un tempo inferiore.
  • nessuna delle precedenti.

11) Cos’è un task?

  • Una applicazione.
  • Una periferica di input.
  • Una periferica di output.
  • Nessuna delle precedenti.

12) L’acronimo DLL sta ad indicare:

  • le interruzioni sincrone.
  • le librerie a collegamento dinamico.
  • le librerie a collegamento statico.
  • nessuna delle precedenti.

13) In un sistema di tipo batch l’utente:

  • interagisce con il calcolatore durante l’esecuzione dei programmi.
  • non interagisce con il calcolatore durante l’esecuzione dei programmi.
  • acquista l’interattività.
  • nessuna delle precedenti.

14) Qual è il nome del dispositivo che si occupa del trasferimento dell’output?

  • Memoria temporanea.
  • Unità logico – aritmetica.
  • Elaboratore di canale.
  • Nessuna delle precedenti.

15) Le fasi del lavoro batch sono:

  • preparazione dei dati, inoltro all’elaboratore, ritiro dei risultati.
  • preparazione dei dati, rilettura dei dati, analisi degli errori, inoltro all’elaboratore.
  • preparazione dei dati, analisi degli errori, ritiro dei risultati.
  • nessuna delle precedenti.

16) Rispetto ai sistemi operativi per elaboratori dedicati, quelli che lavorano in ambienti batch non devono avere in più dei moduli che:

  • gestiscono le code di lavori in ingresso e le code di stampa.
  • provvedono alla protezione reciproca degli utenti.
  • realizzano i meccanismi di assegnazione delle risorse.
  • nessuna delle precedenti.

17) Un sistema operativo cade nel system overload quando:

  • le sue attività impegnano troppo la CPU.
  • le sue attività impegnano troppo il BIOS.
  • le sue attività impegnano troppo la memoria RAM.
  • nessuna delle precedenti.

18) Segna la definizione errata di processo.

  • Un processo è un insieme formato da un elenco finito di azioni da eseguire in sequenza e dai dati che vengono elaborati dalle stesse azioni.
  • Un processo è un insieme formato da un elenco infinito di azioni da eseguire in sequenza e dai dati che vengono elaborati dalle stesse azioni.
  • Un processo è un insieme formato da un elenco finito di azioni da eseguire in successione e dai dati elaborati.
  • Un processo è un insieme formato dai risultati di un’elaborazione e da un elenco finito di istruzioni che permettono ai dati di essere elaborati.

19) Un processo si trova nello stato di pronto quando:

  • attende di essere caricato in memoria centrale.
  • il processo è in evoluzione perché gli è stata assegnata la CPU.
  • il processo è stato completato e può essere tolto dalla memoria centrale.
  • nessuna delle precedenti.

20) Quando un processo passa dallo stato di esecuzione allo stato di attesa esso necessita:

  • di essere caricato in memoria centrale.
  • un’operazione di I/O.
  • di essere messo nella coda di stampa.
  • nessuna delle precedenti.

21) Il vettore di interrupt è:

  • una zona della memoria centrale.
  • una zona del BIOS.
  • una zona del sistema operativo.
  • nessuna delle precedenti.
Categorie: 
rss facebook twitter google+

Categorie news