Tu sei qui

Apptivity sui problemi che hanno come modello un’equazione di primo grado

Erasmo Modica – Questa Apptivity, da realizzare grazie all’uso delle app disponibili su smartphone o tablet, è relativa ai problemi che hanno come modello un’equazione di primo grado e quindi può essere realizzata nelle prime classi del primo biennio delle scuole secondarie di secondo grado. Lo scopo è quello di far sì che gli studenti, divertendosi, possano cimentarsi nella risoluzione di tali problemi e, nello stesso tempo, si può cercare di indirizzarli nel processo inverso, ossia in quello che li porta a inventare un problema partendo da una semplice equazione.

Per realizzare l’attività è necessario costruire una serie di file PDF o di Google Documenti di due fogli:

  • il primo foglio deve contenere il testo di un problema di primo grado,
  • il secondo foglio deve contenere una semplice equazione.

I file da creare devono essere in numero uguale agli studenti della classe se si vogliono assegnare problemi differenti a ciascun alunno, altrimenti un solo file può essere distribuito a tutti.

Dopo aver salvato i file online, per esempio in un’apposita cartella di Google Drive, è necessario generare i vari codici QR relativi a essi e raccoglierli in un apposito documento da stampare.

Fatto ciò si possono ritagliare tutti i codici e invitare gli studenti a sceglierne uno a caso.

Gli studenti, usando i propri smartphone o i propri tablet, possono quindi effettuare la scansione del codice QR fornito e tale operazione li condurrà direttamente al file PDF creato dal docente.

A questo punto il docente può optare per le due seguenti possibilità:

  • far stampare la scheda di lavoro a ogni studente, invitarlo a completarla e a consegnargliela in seguito;
  • invitare lo studente a utilizzare un programma di annotazione dei file PDF in modo che questi possa completare l’attività direttamente online, oppure far compilare direttamente online il file di Google Documenti.

Al termine dell’attività è possibile:

  • favorire il confronto e la discussione sui metodi risolutivi tra studenti che, eventualmente, hanno risolto lo stesso problema;
  • favorire il confronto tra gli studenti che hanno trattato problemi diversi;
  • invitare ciascuno studente a presentare ai propri compagni il problema che gli è stato assegnato e a discutere la sua risoluzione.
Categorie: 
rss facebook twitter google+

Categorie news