Tu sei qui

Giocando costruiamo. Due unità di apprendimento per la continuità infanzia-primaria

red - Le due UDA “GIOCANDO COSTRUIAMO” sono state progettate nell’ambito di un corso realizzato a Mestre, nel mese di settembre 2016, dall’USR per il Veneto e rivolto a 30 insegnanti di scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione sulla didattica per competenze. I corsisti hanno analizzato un modello di curricolo per competenze basato sulle Indicazioni Nazionali 2012 e organizzato per competenze chiave (le competenze chiave per la cittadinanza e l’apprendimento permanente enunciate dalla Raccomandazione europea del 18.12.2006); hanno imparato a costruire Unità di Apprendimento sulla base dello stesso curricolo e a redigere le rubriche di valutazione per rilevare e valutare le competenze previste nell’UDA.

Le due UDA sono state pensate per essere utilizzate nelle attività di continuità tra scuola dell’infanzia e scuola primaria. Una è pensata per i bambini dell’ultimo anno di scuola dell’infanzia e l’altra per i bambini di prima classe della primaria, i quali dovranno accompagnare i loro compagni più giovani nel passaggio.

La competenza chiave focus è “Competenze in matematica e competenze di base in scienza e tecnologia, con particolare attenzione alla tecnologia. I bambini, infatti, sono impegnati nella costruzione di giochi da impiegare nelle attività comuni. Naturalmente, sono sollecitate le competenze sociali e civiche, la comunicazione nella madrelingua e lo spirito di iniziativa e intraprendenza.

A corredo dell’UDA, le docenti hanno redatto le rubriche di valutazione centrate sulle “evidenze”, ovvero i comportamenti che, se messi in atto dagli alunni, rivelano un agire competente. Nel curricolo utilizzato come base, le evidenze sono tratte, dove possibile, dai Traguardi delle Indicazioni. Ciò permette di utilizzarli nei compiti affidati ai bambini e quindi di svilupparli, osservarli e valutare il loro perseguimento nel tempo.

Accanto alle rubriche, sono stati previsti anche strumenti di autovalutazione del lavoro da parte dei bambini.

Allegato: 
rss facebook twitter google+

Categorie news