Tu sei qui

Rudi Mathematici, in linea il numero 229 della rivista dedicata alla matematica

Rudi Mathematici - Mettiamola così: se Rudi Mathematici fosse fatto di carne e ossa, invece che di bit e carta, sarebbe probabilmente in seria fibrillazione per la paura degli incombenti esami di maturità. Poi, visto il nome che si porta addosso, quella che dovrebbe affrontare tra Giugno e Luglio sarebbe probabilmente la maturità del Liceo Scientifico, con tanto di prova scritta di matematica: roba da generare attacchi di panico, per dei cialtroni come i tre redattori della Prestigiosa Rivista.

Perché sì, beh, insomma… siamo in pieno Febbraio, e Febbraio è mese di celebrazioni: Rudi Mathematici esiste ormai da 19 anni, e il numero d’ordine 229 che marchia con cifre di fuoco questa Newsletter indica che abbiamo già cominciato ad affrontare il ventesimo. Una bella età, c’è poco da fare: al punto che l’unica maniera per non sembrare troppo vecchi e vetusti è proprio quella di assimilare la rivista agli esseri umani, giovincelli in carne e ossa, perché in tutti gli altri campi delle attività umane, diciannove anni sono un periodo di tempo che incute il rispetto che si deve agli anziani. Se ne parlava un po’ anche in redazione, qui, complice una mail di un lettore affezionato che ricordava le glorie del Blue Team, la nazionale italiana di bridge che – svariati eoni fa – stava al bridge più o meno come Roger Federer sta al tennis: ma come raccontare alle nuove leve le imprese di Forquet e Belladonna, Garozzo e Chiaradia senza sembrare eccessivamente nostalgici?  Senza parlare del fatto che i redattori, con il pretesto che gli anziani sono proverbialmente smemorati, si dimenticano di rispondere a molte mail che arrivano nella troppo trascurata mailbox… è un pretesto, lo abbiamo detto; ma un po’ di problemi nel rispondere li abbiamo davvero (anche se probabilmente più a causa di affanni che di anzianità).

Ma orsù, perdinci e perdindirindina! I diciannovenni sono giovani e freschi, iperattivi, entusiasti, curiosi e festaioli, e abbiamo tutte le intenzioni di mostrarci degni dei nostri coetanei. E, diamine, abbiamo anche un sacco di buone ragioni per esserlo, perché abbiamo anche ricevuto un regalo di compleanno che la maggior parte dei diciannovenni se lo può solo sognare: date uno sguardo alla copertina di questo RM229, e lustratevi gli occhi. D’accordo, non è una vera foto: abbiamo solo pasticciato un po’ con la grafica per mettere sulla copertina del nostro libretto quella fascetta che in realtà non esiste e che non troverete in libreria: ma, anche se fittizia, quella fascetta virtuale non mente: la giuria del Premio Castelnuovo per la Divulgazione Scientifica indetto dall’UMI (Unione Matematica Italiana) ha riservato a “Storie che contano – Problemi immaginari per matematici reali” dei Rudi Mathematici una Menzione Speciale! Cosa si può aggiungere? Come si può commentare? Niente, possiamo solo godercela e cercare di nascondere al meglio possibile le grandiose code di pavone che ci sono improvvisamente spuntate a tutti e tre.

Così, armati del miglior viatico possibile per affrontare questo ventesimo anno appena iniziato, ci predisponiamo a continuare a tormentare ancora un po’ la matematica e gli amanti della matematica. Innanzitutto con la rivista, che questo mese offre un Paraphernalia Mathematica che se la prende con gli economisti e un Compleanno che indugia su diversi tipi di discriminazioni contro diverse  minoranze. Abbiamo corso un po’ per far uscire questo RM229 almeno un giorno prima del 14 Febbraio, perché, come è noto, il 14 Febbraio è un giorno davvero speciale. Non tanto perché quest’anno è anche il Mercoledì delle Ceneri, celebrazione importante per la più diffusa delle religioni occidentali: e neppure perché sancisce la fine del Carnevale (anche se quest’evento un po’ di urgenza la induce comunque: è quasi impossibile aver qualcosa a che fare con il Canavese, regione di cui Ivrea è capoluogo, senza percepire un’atmosfera particolare – vagamente fruttata, per così dire -  tra le ore 13 del giovedì e la mezzanotte del martedì grasso). E no, neppure perché il 14 Febbraio è San Valentino, con tutto il tradizionale carico di festeggiamenti amorosi a cui i diciannovenni sono particolarmente sensibili.

È che il 14 Febbraio è il giorno in cui (tradizione consolidata ormai da qualche anno) sul blog di Rudi Mathematici esce il Carnevale della Matematica (non cliccate prima di domani, però…) e se il CdM è appuntamento mensile che viaggia di blog in blog, quello di Febbraio si ferma proprio sul nostro, e quindi dobbiamo fare un po’ di pulizia per ospitare degnamente gli ospiti che verranno a farci visita con i loro contributi.

E, manco a dirlo, siamo in ritardo… quindi la smettiamo qua. Siamo più vecchi di un anno, stiamo diventando adulti, dobbiamo farci carico delle nostre responsabilità. O almeno dovremo provarci.

Oppure no. Questo è un luogo nato per divertirsi, è bene ricordarlo sempre. Quindi, gente, cercate di adeguarvi a dovere, se volete continuare a frequentare queste pagine: divertitevi. E fate di tutto per essere felici.

RM229, Febbraio 2018, è in linea:   

http://www.rudimathematici.com/archivio/229.pdf

http://www.rudimathematici.com/archivio/epub/229e.epub

Categorie: 
rss facebook twitter google+

Categorie news