Tu sei qui

Usare le lingue per apprendere e apprendere a usare le lingue. Un'introduzione al CLIL per genitori e giovani

Gisella Langé - Questo libretto propone alla vostra attenzione un nuovo metodo per l’apprendimento delle lingue, che potrebbe essere adottato nella vostra scuola, denominato ‘Apprendimento Linguistico Integrato - Content and Language Integrated Learning’ (ALI-CLIL). Con questo metodo materie quali storia, geografia o altre discipline vengono insegnate e apprese in una lingua straniera. Ciò può essere molto efficace per potenziare l’apprendimento sia delle lingue, sia delle materie in questione, e sviluppa nei giovani un atteggiamento positivo di fiducia nella propria capacità di apprendere le lingue. 

Le lingue si acquisiscono e si apprendono

Come apprendiamo le lingue? Numerose ricerche hanno permesso di capire meglio la differenza tra come ‘si acquisisce’ una lingua rispetto a come la ‘si apprende’.

I bambini, anche i più piccoli, acquisiscono con molta facilità le lingue che vengono usate nel loro ambiente famigliare, perciò si pensa che le lingue si apprendano meglio da piccoli.

I ragazzi più grandi e gli adulti di solito imparano le lingue a scuola oppure, in misura crescente, grazie a programmi per computer. Ma l’apprendimento linguistico ha successo se si ha la possibilità di essere guidati e ‘istruiti’ e nello stesso tempo di sperimentare situazioni ‘di vita reale’ che permettono di acquisire la lingua. 

Esistono metodi naturali per apprendere facilmente le lingue?

Benché i processi cognitivi del bambino possano essere diversi da quelli dell’adulto, la chiave per l’apprendimento facile delle lingue è data dalle occasioni che ci vengono date per impararle. E’ in questo ambito che il CLIL può risultare interessante. Infatti una delle ragioni per le quali i bambini piccoli sembrano molto abili nell’apprendere una lingua è dovuta alla naturalezza con cui la lingua  viene usata nell’ambiente che li circonda. A scuola, dove gli studenti si trovano alle prese con il difficile processo di produrre suoni per loro insoliti e di utilizzare strutture grammaticali e vocaboli stranieri, raramente la situazione risulta essere altrettanto naturale e le occasioni di parlare altrettanto spontanee.

L’utilità dell’insegnamento scolastico consiste nel fornire allo studente gli strumenti e il disegno del ‘progetto’, che gli permettono di gettare le fondamenta dell’apprendimento della lingua. Ma raramente un insegnante ha il tempo necessario per andare oltre questa fase essenziale del processo di apprendimento. Gli studenti d’altra parte hanno bisogno di tempo per costruire ‘mattone su mattone’ quella casa di cui hanno visto solo il progetto sulla carta.

Il CLIL può offrire ai giovani di qualsiasi età una situazione in cui si sviluppa spontaneamente l’uso della lingua straniera, che in questo caso si basa su altre forme di apprendimento, e ciò può accrescere la motivazione all’apprendimento della lingua stessa. La naturalezza risulta uno degli elementi determinanti per il successo del CLIL sia in relazione alla lingua che alla materia da apprendere.

Allegato: 
Categorie: 
rss facebook twitter google+

Categorie news